Devi gestire un'eredità? è un momento delicato e importante

Fatti consigliare da un legale esperto

Con Avvocato Accanto

la tua consulenza è a portata di click

Richiedi ora una consulenza
avvocato eredità e successioni
avvocato eredità e successioni

Avvocato Accanto presta assistenza legale nelle tematiche di eredità e successione

Divisione ereditaria
Accettazione dell’eredità
Rinuncia all’eredità
Testamento

Sei un coerede? Se gestire l’eredità comune è diventato un problema, puoi promuovere, a certe condizioni, lo scioglimento della comunione ereditaria chiedendo la divisione.
La legge ti consente di infatti di dividere il patrimonio ereditario con un contratto, se c’è accordo degli altri coeredi, oppure di rivolgerti ad un giudice che si pronuncerà sulla divisione consentendo l’assegnazione delle porzioni.
La comunione ereditaria, che si determina quando l’eredità è intestata a più eredi, può dar luogo a frizioni e conflitti tra i coeredi. In relazione, ad esempio alla gestione del patrimonio comune ed alla liquidazione dei debiti. Spesso l’unico modo per risolvere questi conflitti è quello di dividere il patrimonio e consentire che a ciascun coerede venga riconosciuta una parte esclusiva del bene di cui potrà decidere in autonomia e senza ingerenze.

Non sai se accettare un’eredita? Ricorda che l’accettazione dell’eredità di regola determina la confusione del patrimonio ereditario - compresi i debiti - con quello dell’erede, per cui, una volta accettato, risponderai anche con il tuo patrimonio dei debiti del defunto.
Valuta con attenzione la tua situazione. La legge ti consente di tutelarti, ad esempio, accettando con beneficio di inventario.
L’accettazione talvolta si verifica anche senza che l’erede abbia formalmente accettato con una dichiarazione scritta (ad esempio). Questo può succedere quando si resta per un certo tempo nel possesso dei beni ereditari. E’ opportuno prestare attenzione ed essere tempestivi nel valutare la situazione.

Intendi rinunciare ad un’eredita? Per rinunciare ad un eredità è necessario seguire un iter preciso previsto dalla legge e verificare che non sussistano condizioni ostative. Ad esempio, la rinuncia non può farsi prima che si sia aperta la successione. Allo stesso modo non si può rinunciare ad un’eredità in precedenza accettata.
Generalmente conviene rinunciare ad un eredità quando il patrimonio lasciato dal defunto presenta più passività (debiti) che attività (crediti/beni). E’ molto importante valutare tempestivamente la propria situazione per decidere con consapevolezza il da farsi ed evitare sorprese.

Con il testamento si dispone del proprio patrimonio per il tempo in cui si cesserà di vivere. E’ un atto molto importante perché consente al suo autore, a certe condizioni, di decidere le persone da beneficiare. Il testamento può prevedere anche disposizioni di carattere non patrimoniale: come il riconoscimento di un figlio nato fuori del matrimonio.
E’ importante prestare particolare attenzione a tutte le attività che coinvolgono l’elaborazione, la stesura e la conservazione del testamento, così come la sua interpretazione ed esecuzione una volta aperta la successione. La legge prescrive infatti puntuali requisiti di forma e di sostanza affinché il testamento e le sue disposizioni siano valide.

Eredità e Successioni

L’eredità corrisponde comunemente al patrimonio lasciato dal defunto al momento della sua morte. Il patrimonio è l’insieme di tutti i beni, compresi i debiti e crediti, riferiti a una persona.

Con la successione ereditaria il patrimonio ereditario del defunto viene quindi trasmesso dal defunto ai suoi eredi, secondo regole ben precise indicate dalla legge ed, eventualmente, dallo stesso defunto qualora abbia fatto testamento.

Le principali problematiche che tipicamente coinvolgono chi è interessato da un’eredità, riguardano la predisposizione del testamento, la revoca di alcune sue disposizioni, l’apertura della successione e l’ eventuale accettazione o rinuncia dell’eredità, il pagamento dei debiti dell’eredità, la reintegrazione della quota riservata ai legittimari, la divisione dell’eredità laddove vi siano più coeredi.

Al fine di consentire una maggiore consapevolezza delle problematiche coinvolte e una migliore valutazione circa l’opportunità di richiedere consulenza ed assistenza legale, di seguito si fornisce una sintetica disamina delle problematiche appena indicate.   

 

La divisione ereditaria

Si tratta di una procedura che consente ai coeredi di sciogliere la comunione tra di loro istituita in ragione dell’accettazione dell’eredità. In altri termini, quando più soggetti sono stati nominati eredi, attraverso l’accettazione dell’eredità gli stessi divengono proprietari, per la rispettiva quota, di tutti i beni che formano oggetto dell’eredità medesima. Si verifica così una situazione di comproprietà tra i vari eredi che prende il nome di comunione ereditaria

Qualora, per qualsiasi ragione, uno dei coeredi voglia svincolarsi dalla situazione di comproprietà sopra i beni ereditari, può sollecitare lo scioglimento della comunione ereditaria. Procedendo, quindi, alla divisione dell’eredità.

 

Le ipotesi attraverso cui giungere alla divisione dell’eredità sono le seguenti:

  • Divisione contrattuale: quando vi è accordo tra tutti i coeredi, questi possono con un contratto sciogliere la comunione ereditaria e assegnare a ciascuno dei beni (regolando anche eventuali conguagli in denaro);
  • Divisione giudiziale: quando i coeredi non trovano un accordo, ciascuno di loro può attivarsi per ottenere la divisione ereditaria presso il Tribunale competente. In questo caso nella gestione della procedura di divisione è attivamente coinvolto un terzo, il Giudice.
  • Divisione testamentaria: quando si è in presenza di un testamento che disciplini esplicitamente la divisione, prevista dal testatore.

 

 

Accettazione dell’eredità

L’accettazione dell’eredità determina, salvo eccezioni, il subentro dell’erede nel patrimonio del defunto e quindi la confusione del patrimonio proprio dell’erede con quello ereditato. Il patrimonio oggetto  dell’eredità, ovviamente, può essere costituito da attività e da passività. E’ quindi importantissimo verificare con attenzione il patrimonio ereditario per determinare la consistenza di eventuali passività. Al fine di evitare che i debiti ereditari, laddove rilevanti, intacchino anche il patrimonio personale dell’erede per effetto della citata confusione.

L’accettazione dell’eredità è un atto che può manifestarsi sia in modo espresso sia in modo tacito, ad esempio nel caso in cui colui che è interessato ad un eredità (il così detto “chiamato all’eredità”) compia degli atti di disposizione sui beni ereditari che presuppongano la sua volontà di accettare.  

 

Accettazione dell'eredità con beneficio di inventario. Per tutelare il chiamato all’eredità contro le eventuali passività presenti nel patrimonio ereditario, la legge gli consente, a certe condizioni, di accettare con beneficio di inventario. Si tratta di una particolare procedura che consente all’erede di tenere separato il proprio patrimonio dal patrimonio oggetto dell’eredità e di effettuare un accertamento analitico della situazione, dunque della presenza o meno di debiti ereditari consistenti.

 

Rinuncia all’eredità.

La rinuncia all’eredità è l’atto attraverso il quale il chiamato all’eredità (che in caso di accettazione diverrebbe a tutti gli effetti erede) manifesta la volontà di non acquistare quanto oggetto dell’eredità. Le ragioni del rifiuto possono essere molteplici, ma, di regola, è la presenza di forti debiti ereditari ciò che raccomanda, e a ragione, di rinunciare.

L’atto di rinuncia all’eredità deve essere compiuto secondo alcune formalità previste dalla legge (notaio/cancelleria del Tribunale) e quindi iscritto nel registro delle successioni.

L’erede che rinuncia validamente all’eredità non può essere chiamato a rispondere dei debiti ereditari. 

 

Testamento.

Si tratta di un atto formale attraverso il quale una persona dispone del proprio patrimonio per il tempo in cui non sarà più in vita. Se il testamento è valido, la successione ereditaria è regolata da quest’atto. Per quanto non disponga il testamento restano applicabili le regole poste dalla legge.

Di regola il testamento individua i beneficiari (cioè i potenziali eredi) ed indica come deve essere tra loro ripartito il patrimonio ereditario. Possono inoltre essere contemplate nel testamento una molteplicità di disposizioni ulteriori legate alle modalità con cui dare attuazione alle volontà del testatore.

Chi intende predisporre il proprio testamento deve considerare, tra le molteplici variabili, anche il fatto che alcuni parenti prossimi (i così detti “legittimari”), sono tutelati dalla legge. Nel senso che a prescindere dalla volontà del testatore, questi soggetti hanno diritto ad una certa quota dell’eredità. 

***

Se cerchi un Avvocato online competente in tema di eredità e successioni, il nostro portale può aiutarti!

 

Approfondimenti

Avvocato Accanto ti consente di gestire senza stress e con comodità le tue questioni legali.

Comunione ereditaria sull'immobile. Come posso gestire la mia quota e le spese?

CONTINUA A LEGGERE
Divisione ereditaria

Quando l’eredità è attribuita a più soggetti, ciascuno dei coeredi diventa contitolare dei beni appartenenti all’asse ereditario (cioè l’insieme dei ...

CONTINUA A LEGGERE
Eredità giacente: cos’è e come funziona? Ecco la guida del nostro avvocato esperto in successioni ereditarie

A volte accade che una persona muoia, lasciando il proprio patrimonio senza eredi oppure che questi ultimi non accettino l’eredità o l’accettino ...

CONTINUA A LEGGERE
Divisione ereditaria fatta dai coeredi

Per “comunione ereditaria” si intende, generalmente, come l’acquisto da parte più soggetti del patrimonio ereditario: senza che sia possibile ...

CONTINUA A LEGGERE
Divisione Testamentaria (fatta dal testatore)

Il nostro codice civile riconosce espressamente al testatore la facoltà di dividere il suo patrimonio tra gli eredi. Dunque di intervenire ...

CONTINUA A LEGGERE
L'invalidità del testamento

Chi voglia occuparsi della sorte del proprio patrimonio dopo la sua morte, può provvedervi con testamento. I genitori che desiderano assicurarsi che ...

CONTINUA A LEGGERE
Eredità digitale e trasmissibilità dati personali: disciplina della successione o della privacy?

Account, cloud e social sono termini che fanno parte del nostro quotidiano. Per motivi personali e professionali, operiamo sul web, creando profili ...

CONTINUA A LEGGERE
Erede e legatario

L’erede e il legatario L’erede è la persona - se più d’uno vi saranno più eredi - che in base alla legge ed all’eventuale testamento può vantare dei ...

CONTINUA A LEGGERE
Accettazione dell'eredità

L’accettazione dell’eredità è l’atto con cui un soggetto, chiamato all’eredità del defunto in base alla legge o ad una disposizione testamentaria, ...

CONTINUA A LEGGERE
Rinuncia all'eredità

La morte di un proprio caro, oltre che essere fonte di dispiaceri personali, genera anche conseguenze a livello giuridico, con perentori termini di ...

CONTINUA A LEGGERE
Il Testamento: che cos'è e come funziona

Il testamento è la dichiarazione scritta con la quale una persona può stabilire la sorte del proprio patrimonio dopo la sua morte. La stesura di un ...

CONTINUA A LEGGERE
Quando manca il testamento chi sono gli eredi?

Quando manca in tutto o in parte il testamento, è la legge che individua i soggetti cui si trasmette il patrimonio del defunto (cd. successione ...

CONTINUA A LEGGERE
La successione necessaria e la successione legittima. Quali differenze?

La successione legittima si ha quando, in mancanza di un testamento redatto dal defunto che identifichi chiaramente i suoi eredi, l’eredità si ...

CONTINUA A LEGGERE
L'Azione di petizione

Attraverso l’azione di petizione, un soggetto può chiedere che sia riconosciuta la sua qualità di erede. Ciò al fine di ottenere la restituzione dei ...

CONTINUA A LEGGERE
La Dichiarazione di successione: cos'è e come si fa?

Un volta acquisita la qualifica di erede (o di legatario) come bisogna comportarsi nei confronti dell’Erario? È bene sapere che in alcuni casi è ...

CONTINUA A LEGGERE
Domande e risposte

Avvocato Accanto ti consente di gestire senza stress e con comodità le tue questioni legali.

Impugnazione del testamento: presunta lesione

Ho una zia anziana, senza marito né figli, cui ho provveduto negli ultimi anni, essendo la stessa fisicamente inabile. Lo scorso anno è venuta a ...

CONTINUA A LEGGERE
Coniuge superstite e Diritto di abitazione

Mio marito è venuto a mancare da poco. Il figlio di “primo letto” del mio defunto marito, avendo perso il lavoro, sostiene di aver diritto di vivere ...

CONTINUA A LEGGERE
TFR e Assicurazioni nella successione

Mio marito è venuto a mancare da poco e ha lasciato a me, sua unica erede, la casa coniugale, alcuni conti correnti, un’assicurazione - rischio ...

CONTINUA A LEGGERE
Rinuncia all'eredità: costi?

Mia madre e deceduta a gennaio.era titolare di una porzione disottotetto. Alcuni fratelli vogliono rinunciare a mio favore visto che sono quasi ...

CONTINUA A LEGGERE
Rinuncia dell’eredita e cartella esattoriale

BUONGIORNO, VOLEVO DELLE INFORMAZIONI SULLA RINUNCIA ALL' EREDITA'. IL MIO PROBLEMA E' QUESTO : VOLEVO RINUNCIARE ADESSO ALL' EREDITA' DI MIO NONNO ...

CONTINUA A LEGGERE
Eredità e comproprietà di un immobile

Domanda Mediazione e possibile vendita giudiziale di un immobile. Buongiorno, penso che la situazione sia semplice ma andrebbe seguita in quanto uno ...

CONTINUA A LEGGERE
Comunione ereditaria: voglio vendere, che fare?

A seguito morte dei miei genitori ho ereditato il 50% di un immobile di vacanza in collina. L'altro 50% è di proprietà di mio zio,fratello di mia ...

CONTINUA A LEGGERE
Eredità e fratelli: lesione della quota

Buongiorno. Mia mamma ha contratto due matrimoni. Col primo marito è nata mia sorella, col secondo sono nato io. Entrambi i mariti sono deceduti e ...

CONTINUA A LEGGERE
Comunione ereditaria: disaccordo tra eredi

Ho ereditato tramite testamento da una parente il 50% di una casa un garage e un libretto postale. Per disaccordo i nipoti eredi legittimi del ...

CONTINUA A LEGGERE
Successione ereditaria: rientrano i BTP?

In caso di acquisto di titoli di stato tramite istituto di credito, fa fede la data dell'eseguito da parte della banca o la data della ...

CONTINUA A LEGGERE
Contratto di convivenza ed eredità

Buongiorno io e il mio compagno stiamo per comprare una casa al 50% con la nuova legge sulle coppie di fatto c'è la possibilità di lasciare a lui la ...

CONTINUA A LEGGERE
Successione ereditaria e fideiussione: cosa succede?

Buonasera, per un fido aperto alcuni anni or sono, la banca mi aveva chiesto di far firmare come garanti mio padre e mia madre. Adesso mia madre e' ...

CONTINUA A LEGGERE
Successione e accesso a dati personali del defunto

Chiedo chiarimenti in merito ad una successione tra fratelli: 8 fratelli, muore il fratello sacerdote, quindi non ha eredi legittimi. Lascia un ...

CONTINUA A LEGGERE
Tutela anticipata della propria quota di eredita: è possibile?

Vi scrivo per sottoporre la questione: ho un solo fratello maggiore di due anni e mio padre è morto anni fa. Abbiamo tre case, una villa in campagna ...

CONTINUA A LEGGERE
I vantaggi di Avvocato Accanto

Avvocato Accanto ti consente di gestire senza stress e con comodità le tue questioni legali. Hai accesso ad un avvocato esperto sempre e ovunque tu sia per chiedere consulenza legale ed assistenza quando ti serve

Più Facile

Fai tutto direttamente dal tuo pc, smartphone o tablet! Fissi l'appuntamento, ricevi consulenza legale e molto altro.

Più Trasparente

Conosci subito i costi della tua consulenza legale. Paghi alla fine. Niente sorprese.

Più Veloce

Consulenza legale? Niente code, niente attese. È tutto più veloce.
lawyer
L'opinione dei nostri clienti è importante
Leggi tutte le recensioni
logo-google
12.11.2022
Recensione di carlo Daidone
La ringrazio per la sua gentile e chiara risposta
logo-google
11.11.2022
Recensione di Alessandro
Perfetti ed esaustivi
logo-google
09.11.2022
Recensione di Louki Mohamed
ottimo
logo-google
01.11.2022
Recensione di Massimo Pagano
Risposta rapida ed esauriente, molte grazie
logo-google
24.10.2022
Recensione di Gemma Diversi
grazie, risposta precisa ed esauriente.
logo-google
21.10.2022
Recensione di Francesco Molon
Sono rimasto molto soddisfatto della risposta ricevuta. Grazie.
Dove ci trovi
se vuoi incontrarci di persona
Se vuoi incontrarci di persona e conoscerci ci trovi in Via Crocefisso 6 a Milano, presso gli uffici di Avvocato Accanto, tutti i giorni da lunedì a venerdì e su appuntamento anche il sabato. Ti aspettiamo.
mappa avvocato accanto