Eredità: il minore può succedere?

Buongiorno,la mia domanda è la seguente Mio papà è deceduto ad Aprile 2018,mio fratello vuole rinunciare alla sua parte di eredità,lui è divorziato ed ha un figlio minorenne. Al momento del decesso aveva il domicilio presso una casa di riposo fuori Roma,ma la residenza qui a Roma.. Tramite caf mi è stato dato un modulo e un foglio su come fare per prendere appuntamento con il tribunale e per pagare poi tutte le imposte di bollo.Ho saputo che il tribunale dovrà nominare un giudice tutelare per mio nipote minorenne. Come funziona?sarà il giudice tutelare a decidere se mio fratello può rinunciare o meno? Soprattutto siccome sul foglio che mi è stato dato c'è scritto che la richiesta va fatta al tribunale dove era domiciliato mio papà,significa che vale quindi il suo ultimo domicilio dove è morto? Mio fratello non ci dice molto,l'unica cosa sappiamo è che non vuole che risulti nulla a suo nome,sicuramente ha dei debiti,anche questo potrà influire sulla sentenza? Grazie
Eredità e Successioni (30/01/2019)
lawyer
Autore:
Avvocato Marta Calderoni
Locazioni commerciali, Eredità e Successioni, Recupero Crediti, Risarcimento danni e responsabilità civile, Immobili, Famiglia
Segui l’avvocato
Risposta:

Per rispondere al Suo quesito, riteniamo innanzitutto opportuno cercare di chiarire che cosa accadrà a seguito del decesso di Suo padre.

Dalla Sua esposizione abbiamo compreso che Suo fratello, chiamato insieme a Lei all'eredità di Suo padre, intende formalizzare rinuncia all'eredità: a tal fine dovrà recarsi nella cancelleria della volontaria giurisdizione del Tribunale competente (quello del luogo di apertura della successione, ossia dell'ultimo domicilio di Suo padre - e NON della residenza) e rilasciare al cancelliere la dichiarazione di rinuncia. Non è previsto l'intrevento di nessun giudice.

A seguito della rinuncia formalizzata da Suo fratello, a norma dell'art. 467 del nostro codice civile saranno chiamati all'eredità per rappresentazione eventuali discendenti di Suo fratello: il figlio minorenne, nel caso specie.

L'art. 467 c.c., infatti, è dedicato alla c.d. rappresentazione, istituto che fa subentrare i discendenti (legittimi e naturali) nel luogo e nel grado del loro ascendente, in tutti i casi in cui questi non può o non vuole (come nel caso di rinuncia) accettare l’eredità.

Poiché nel caso di specie il figlio di Suo fratello è minorenne, per esso è obbligatoria l’accettazione dell’eredità con beneficio di inventario.

A tal proposito precisiamo che, per poter accettare l’eredità con beneficio, il minore ha bisogno di essere a ciò specificamente autorizzato dal Giudice Tutelare del Tribunale del luogo di domicilio (di Suo nipote, nel caso di specie).

I genitori del minore chiamato all'eredità dovranno pertanto presentare un apposito ricorso in cui esporre la circostanza della successione (del nonno) e della possibilità per il bambino minore di diventare erede, nonché gli eventuali vantaggi, anche patrimoniali, che deriverebbero al bambino dall’acquisto dell’eredità.

Soltanto una volta ottenuta l’autorizzazione giudiziale, i genitori del minore potranno presentarsi innanzi al Notaio o al Cancelliere del Tribunale per compiere l’atto di accettazione in nome e per conto del minore, nonché per dare avvio all’inventario dei beni del defunto.

Avvocato Marta Calderoni

CONTATTA L’AVVOCATO
Prenota subito online

Dove ci trovi

se vuoi incontrarci di persona

Se vuoi incontrarci di persona e conoscerci ci trovi in Via Crocefisso 6 a Milano, presso gli uffici di Avvocato Accanto, tutti i giorni da lunedì a venerdì e su appuntamento anche il sabato. Ti aspettiamo.
mappa avvocato accanto
Non hai trovato ciò che cercavi?
Fai una domanda