L'usufruttuario che diritti ha in caso di vendita all'asta della nuda proprietà?

Salve io e mia sorella siamo nude proprietarie di un immobile dove hanno usufrutto a vita i miei genitori,ci hanno messo la casa all asta x una questione legale dove siamo coinvolti tutti..i miei hanno pignorato il loro usufrutto da equitalia x tasse non pagate in precedenza se la casa va all asta equitalia che diritti ha? E i miei possono rimanere a vivere nella casa anche se venisse venduta a terzi?
Immobili (27/09/2018)
lawyer
Autore:
Avvocato Marta Calderoni
Locazioni commerciali, Eredità e Successioni, Recupero Crediti, Risarcimento danni e responsabilità civile, Immobili, Famiglia
Segui l’avvocato
Risposta:

Per rispondere al Suo quesito, riteniamo opportuno segnalare quanto segue.

Nel caso in cui venga ipotecata e venduta all'asta soltanto la nuda proprietà dell’immobile (che passa dunque dal proprietario/debitore originario a colui che si aggiudica la casa all’asta), il diritto usufrutto rimarrà in capo all’usufruttuario, per tutta la sua durata.

L’usufrutto, dunque, non subisce alcuna conseguenza dopo la messa in vendita dell’immobile (anche all'asta), poiché cambierà il titolare del bene ma ciò non estingue il diritto di usufrutto.

Diversa è l'ipotesi in cui il diritto di usufrutto sia stato costituito dopo l’iscrizione di ipoteca da parte dei creditori: in tal caso l’usufrutto si estingue con l’espropriazione del bene, a norma dell'art. 2812 c.c..

Nel caso in cui, invece, ad essere debitore sia l’usufruttuario e non il nudo proprietario, il creditore non potrà pignorare l'immobile gravato dall'usufrutto, perché il pignoramento della proprietà può essere promosso nei confronti del proprietario e non dei titolari di altri diritti (come, appunto, l’usufrutto) ma potrà pignorare l'usufrutto, che un diritto quantificabile in valore e, come tale, pignorabile in caso di insolvenza debitoria. Il calcolo del valore dell'usufrutto avviene sulla base del valore catastale dell’immobile e su tabelle attuariali.

Nel caso di specie, ci sembra di aver compreso che sia stato effettuato un pignoramento sull'immobile da parte dei creditori dei nudi proprietari ed un pignoramento dell'usufrutto da parte di Equitalia, creditrice degli usufruttuari; è dunque verosimile che Equitalia chieda la vendita all'asta dell'usufrutto e che tale processo di espropriazione forzata venga riunito a quello avente ad oggetto la vendita della nuda proprietà, promosso dai creditori dei nudi proprietari.

Qualora invece ciò non avvenga e venisse venduta all'asta soltanto la nuda proprietà, gli usufruttuari non subiranno alcuna conseguenza poiché il loro diritto rimane invariato.

CONTATTA L’AVVOCATO
Prenota subito online

Dove ci trovi

se vuoi incontrarci di persona

Se vuoi incontrarci di persona e conoscerci ci trovi in Via Crocefisso 6 a Milano, presso gli uffici di Avvocato Accanto, tutti i giorni da lunedì a venerdì e su appuntamento anche il sabato. Ti aspettiamo.
mappa avvocato accanto
Non hai trovato ciò che cercavi?
Fai una domanda