Mancato allontanamento dalla casa famigliare: che conseguenze?

Salve mi sono separata da 2 mesi. E vivo ancora in casa con il mio ex, ora l'avvocato mi ha detto che se non vado via non parte la separazione effettiva e che viene annullata. E' vero? grazie

Separazione divorzio e modifica delle condizioni (28/05/2018)
lawyer
Autore:
Avvocato Fabrizio Tronca
Eredità e Successioni, Immobili, Famiglia
Segui l’avvocato
Risposta:

I termini della separazione consensuale giudiziale decorrono dalla prima udienza presidenziale nella quale i coniugi firmano il verbale o presenziano.

Da tale termine si conteggiano i sei mesi (consensuale) o i dodici mesi (giudiziale), per poter domandare il divorzio.

Il mancato allontanamento dalla casa familiare, e quindi il permanere per un certo periodo della convivenza, non interrrompe necessariamente, e tantomeno in automatico, gli effetti della separazione, che continua a decorrere.

****

Il regime di separazione, infatti, viene meno solo se la coppia separata abbia ricostituito il vincolo affettivo e materiale, che fonda il matrimonio, anche per un breve periodo.

Continuare, per un lasso di tempo breve/medio a coabitare, non comporta una reviviscenza automatica del legame coniugale.

La rinnovata unione affettiva, in ogni caso, andrebbe provata e documentata da quel coniuge che volesse, in eventuale sede di divorzio, farla valere.

L'informazione che Le è stata resa è pertanto, quantomeno, assolutamente parziale e non corretta per mancanza di tutti gli elementi.

Fabrizio Tronca, avv. 

 

CONTATTA L’AVVOCATO
Prenota subito online

Dove ci trovi

se vuoi incontrarci di persona

Se vuoi incontrarci di persona e conoscerci ci trovi in Via Crocefisso 6 a Milano, presso gli uffici di Avvocato Accanto, tutti i giorni da lunedì a venerdì e su appuntamento anche il sabato. Ti aspettiamo.
mappa avvocato accanto
Non hai trovato ciò che cercavi?
Fai una domanda