Il datore di lavoro chiede ai dipendenti di dichiarare se sono asintomatici. È lecito?

Buongiorno, vorrei sapere se è legale da parte del datore di lavoro far firmare ad ogni dipendente ogni mattina un foglio in cui dichiara di essere asintomatico, non avere febbre o altri sintomi da Covid. Grazie per l’aiuto
Diritto del lavoro (18/11/2020)
lawyer
Autore:
Avvocato Egidio Rossi
Diritto del lavoro, Separazione divorzio e modifica delle condizioni, Divorzio breve, Condominio, Recupero Crediti, Risarcimento danni e responsabilità civile, Locazioni ad uso abitativo, Immobili
Segui l’avvocato
Risposta:

Occorre premettere che è attualmente in vigore il protocollo anti-COVID che le aziende sono tenute ad applicare in tutte le realtà lavorative.

Il protocollo, tra le altre disposizioni, prevede che il personale, prima di entrare nella sede di lavoro, potrà essere sottoposto al controllo della temperatura corporea e se questa risulterà superiore ai 37,5°, non sarà consentito l’accesso.

Inoltre il personale, e chiunque intenda fare ingresso in azienda, non può accedere se negli ultimi 14 giorni ha avuto contatti con soggetti risultati positivi al COVID-19 o provenga da zone a rischio secondo le indicazioni dell'OMS. L’ingresso in azienda di lavoratori già risultati positivi all’infezione da COVID 19 dovrà essere preceduto da una preventiva comunicazione avente ad oggetto la certificazione medica da cui risulti la “avvenuta negativizzazione” del tampone secondo le modalità previste e rilasciata dal Dipartimento di prevenzione territoriale di competenza.

Alla luce delle richiamate disposizioni, pertanto, appare evidente che non sono richieste forme di autocertificazione da parte del lavoratore ma unicamente un controllo diretto da parte del datore di lavoro, quantomeno sulla temperatura corporea e sulla circostanza di essere stati a contatto con positivi o in luoghi a rischio nei 14 giorni precedenti.

E' anche vero che la richiesta di una dichiarazione da parte del lavoratore potrebbe rappresentare una sorta di prevenzione e di monitoraggio delle condizioni di ogni singolo lavoratore che si reca in azienda, al fine di evitare il rischio di contagi.

Ovviamente il lavoratore non può essere tenuto a dichiarare di essere "asintomatico", in quanto senza un tampone che attesti la positività senza sintomi non può saperlo.

CONTATTA L’AVVOCATO
Prenota subito online

Dove ci trovi

se vuoi incontrarci di persona

Se vuoi incontrarci di persona e conoscerci ci trovi in Via Crocefisso 6 a Milano, presso gli uffici di Avvocato Accanto, tutti i giorni da lunedì a venerdì e su appuntamento anche il sabato. Ti aspettiamo.
mappa avvocato accanto
Non hai trovato ciò che cercavi?
Fai una domanda