Cassa integrazione e contratto a chiamata. Come calcolo il contributo?

Ho un contratto a chiamata e lavoro in un bar. Mi risulta che la cassa integrazione per covid-19 verrà calcolata sulle ore lavorate a marzo. Ho lavorato fino all'8 marzo. È vero che prenderò l'80% delle ore lavorate?

 

Diritto del lavoro (21/04/2020)
lawyer
Autore:
Avvocato Egidio Rossi
Diritto del lavoro, Separazione divorzio e modifica delle condizioni, Divorzio breve, Condominio, Recupero Crediti, Risarcimento danni e responsabilità civile, Locazioni ad uso abitativo, Immobili
Segui l’avvocato
Risposta:

Per quanto riguarda i lavoratori con contratto a chiamata segnaliamo che possono accedere alla cassa integrazione anche nel corso dell'emergenza Covid-19.

Per tali contratti è tuttavia prevista una limitazione, quanto alla cassa integrazione: i lavoratori possono accedervi nei limiti delle giornate di lavoro concretamente effettuate, come emergenti secondo la media dei dodici mesi precedenti.

Bisogna inoltre accertare che l’accordo regionale sulla CIG in deroga non escluda espressamente tali lavoratori dal beneficio.

Avvocato Egidio Rossi

 

CONTATTA L’AVVOCATO
Prenota subito online

Dove ci trovi

se vuoi incontrarci di persona

Se vuoi incontrarci di persona e conoscerci ci trovi in Via Crocefisso 6 a Milano, presso gli uffici di Avvocato Accanto, tutti i giorni da lunedì a venerdì e su appuntamento anche il sabato. Ti aspettiamo.
mappa avvocato accanto
Non hai trovato ciò che cercavi?
Fai una domanda