Ho un part time. Mi obbligano a lavorare dalle 5 alle 24. E’ corretto?

Ho un contratto part time di 32 ore con orario prettamente giornaliero (5 giorni 8-12 e 3 giorni anche 13-17). Per esigenze lavorative mi obbligano a lavorare un orario che va dalle 5 del mattino fino a mezzanotte. Mi chiedo: è possibile fare tutto ciò senza avermi fatto firmare nulla? Sono obbligata a fare questi orari che loro mi hanno imposto? Premetto che avevo abbandonato a suo tempo un lavoro a turni per avere quello a giornata perché troppo pesante.
Diritto del lavoro (05/05/2018)
Risposta:

Abbiamo esaminato il suo quesito.

Evidenziamo come, in linea di principio, le parti possano inserire nel contratto di lavoro a tempo parziale, clausole che estendono la durata della prestazione lavorativa del dipendente, ovvero ne modificano la collocazione temporale; tale facoltà è prevista anche dalla contrattazione collettiva richiamata nel contratto di lavoro.

Detto questo, pur non conoscendo il ccnl applicato al suo rapporto di lavoro, né se il suo contratto individuale espressamente preveda o meno tale possibilità, la decisione della sua azienda ci pare piuttosto drastica, tenuto conto del fatto che il suo orario di lavoro verrebbe notevolmente ampliato, anche nell'ambito del lavoro notturno e, soprattutto, del fatto che così facendo potrebbe venir violato anche il suo diritto alla pausa giornaliera, che prevede 11 ore di riposo consecutivo tra un giorno di lavoro e l'altro.

 

CONTATTA L’AVVOCATO
Prenota subito online

Dove ci trovi

se vuoi incontrarci di persona

Se vuoi incontrarci di persona e conoscerci ci trovi in Via Crocefisso 6 a Milano, presso gli uffici di Avvocato Accanto, tutti i giorni da lunedì a venerdì e su appuntamento anche il sabato. Ti aspettiamo.
mappa avvocato accanto
Non hai trovato ciò che cercavi?
Fai una domanda