Impedito utilizzo dell’immobile comune: che succede?

Buongiorno, io e mia sorella abbiamo 1/6 a testa, della proprietà della casa ereditata da mio papà, mia mamma i restati sesti. Qualche mese fa mia mamma è venuta a mancare. Non abbiamo ancora fatto la successione. Nel frattempo Io l'ho ristrutturata e ci abito con le mie due figlie e mia moglie, senza negare ne impedire l'accesso alcuno a mia sorella. La stessa pretende un affitto da me. Lo può fare? Grazie
Immobili (12/10/2017)
lawyer
Autore:
Avvocato Livia Achilli
Eredità e Successioni, Recupero Crediti, Sovraindebitamento, Immobili, Famiglia
Segui l’avvocato
Risposta:
Il nostro Ordinamento prevede che i partecipanti la comunione di un bene godano dello stesso pro quota, senza che l’uno possa escludere l’altro dall’utilizzo e senza che l’utilizzo da parte di un soggetto pregiudichi i diritti degli altri comunisti. Dal descritto principio - che fonda e regola la comunione - emerge che il comproprietario che sia escluso dal godimento del bene abbia diritto ad un ristoro economico, ovvero che la mancata partecipazione venga compensata da un riconoscimento in denaro. *** Esaminando ora la fattispecie che Lei sottopone, occorre valutare se la dedotta disponibilità da parte Sua a far accedere la sorella presso l’immobile, integri e soddisfi il diritto di godimento riservato tipicamente al partecipante alla comunione di un bene immobile. In concreto, il godimento di un bene immobile - e in particolare di una abitazione - si realizza mediante la riscossione dei frutti (ad es: un immobile messo in affitto con divisione tra i comunisti dei canoni percepiti) ovvero mediante l’utilizzo della casa come residenza. Nell’ipotesi in cui, pertanto, Lei garantisse a Sua sorella un mero accesso, la stessa - anche secondo la costante ed univoca giurisprudenza - potrebbe richiederLe un canone o indennizzo per la mancata utilizzazione del bene. Per prassi tale indennizzo è commisurato alle locazioni abitative in corso e, naturalmente, alla quota di proprietà del beneficiario. Ciò è a dire che la mera possibilità di entrare (o di non essere estromessi dal) nell’appartamento non è esercizio del diritto di godimento del bene e pertanto, nel caso, la sorella ne sarebbe esclusa per un uso, di fatto, riservato che Lei ne fa con la Sua famiglia. *** Diversi sarebbero gli effetti qualora la Sua disponibilità si sostanziasse non in un mero permesso ad accedere all’immobile, ma nel condividere l’abitazione con la sorella. In tal modo i comproprietari godrebbero delle proprie quote ideali secondo l’effettiva destinazione (uso) del bene, senza che la condotta dell’uno realizzasse un pregiudizio per l’altro.
CONTATTA L’AVVOCATO
Prenota subito online

Dove ci trovi

se vuoi incontrarci di persona

Se vuoi incontrarci di persona e conoscerci ci trovi in Via Crocefisso 6 a Milano, presso gli uffici di Avvocato Accanto, tutti i giorni da lunedì a venerdì e su appuntamento anche il sabato. Ti aspettiamo.
mappa avvocato accanto
Non hai trovato ciò che cercavi?
Fai una domanda