Il termine massimo di durata del contratto a termine: cosa fare se viene superato?

Salve, io sostituisco un lavoratore assente dal novembre 2015, non ho avuto un contratto a tempo stabilito, ma ero legato a questa persona, quando sarebbe rientrata sarei riuscito io, ora siamo arrivati al punto che il 31 dicembre 2018 questo lavoratore, che ha continuato fino ad oggi la sua assenza, viene licenziato e l'azienda mi ha comunicato la mia prossima scadenza del contratto senza avere possibilità di passaggio a tempo indeterminato nonostante il posto vacante che ho coperto fino ad ora. Ma io ho diritto a richiedere questo contratto? Può l'azienda togliere me dopo quasi 3 anni e mezzo con lo stesso contratto e ricominciare con un'altra persona di nuovo a tempo determinato? Come mi dovrei comportare io? Grazie per la gentile risposta
Diritto del lavoro (21/11/2018)
Risposta:

Se il suo contratto di lavoro a termine ha superato il termine massimo di durata di 36 mesi, è assai probabile che vi siano le condizioni per chiedere la conversione in rapporto a tempo indeterminato. Per poterle dare la conferma certa di ciò è però necessario analizzare il suo contratto e le eventuali proroghe.

Avvocato Carla Etzi

CONTATTA L’AVVOCATO
Prenota subito online

Dove ci trovi

se vuoi incontrarci di persona

Se vuoi incontrarci di persona e conoscerci ci trovi in Via Crocefisso 6 a Milano, presso gli uffici di Avvocato Accanto, tutti i giorni da lunedì a venerdì e su appuntamento anche il sabato. Ti aspettiamo.
mappa avvocato accanto
Non hai trovato ciò che cercavi?
Fai una domanda