L'assegnazione della casa coniugale è opponibile al terzo acquirente?

posso richiedere il canone di locazione di un appartamento acquistato dopo il decreto presidenziale in cui si attribuisce l'uso della casa al coniuge.?
Immobili (17/01/2020)
lawyer
Autore:
Avvocato Marta Calderoni
Locazioni commerciali, Eredità e Successioni, Recupero Crediti, Risarcimento danni e responsabilità civile, Immobili, Famiglia
Segui l’avvocato
Risposta:

Per rispondere compiutamente al Suo quesito, avremmo necessità di ricevere alcuni chiarimenti.

In particolare, non è chiaro a chi Lei intenderebbe locare l'appartamento che ha acquistato (chiedendo così il pagamento del canone di locazione).

Precisiamo comunque che, per costante giurisprudenza, il provvedimento di assegnazione della casa coniugale individua una posizione di "detenzione qualificata" a favore del coniuge assegnatario, essendo diretto a tutelare l’interesse della prole a permanere nell’abituale ambiente domestico. Tale diritto è opponibile al terzo che abbia acquistato successivamente una posizione giuridica incompatibile con quella del coniuge assegnatario; inoltre, il provvedimento giudiziale di assegnazione della casa familiare, in quanto avente data certa, è opponibile al terzo acquirente in data successiva, per nove anni dalla data di assegnazione, sia che il provvedimento giudiziale sia stato o meno trascritto nei Registri immobiliari.

 

Avvocato Marta Calderoni

CONTATTA L’AVVOCATO
Prenota subito online

Dove ci trovi

se vuoi incontrarci di persona

Se vuoi incontrarci di persona e conoscerci ci trovi in Via Crocefisso 6 a Milano, presso gli uffici di Avvocato Accanto, tutti i giorni da lunedì a venerdì e su appuntamento anche il sabato. Ti aspettiamo.
mappa avvocato accanto
Non hai trovato ciò che cercavi?
Fai una domanda