Se mancasse la mia compagna convivente, io dovrei provvedere a sua figlia?

Sono in procinto di andare a convivere con la mia compagna e sua figlia minore di età. Il padre della bimba purtroppo non c'è più. Se mancasse la mia compagna io dovrei mantenere la bimba?

Famiglia (22/04/2020)
lawyer
Autore:
Avvocato Fabrizio Tronca
Eredità e Successioni, Immobili, Famiglia
Segui l’avvocato
Risposta:

Nel caso mancasse la Sua compagna, madre della minore, Lei non avrebbe nessun dovere.

Lei non ha infatti vincoli di sangue e giuridici con la bambina, che costituiscono la premessa per una posizione di responsabilità verso la stessa.

L'insieme di doveri in parola sarebbe escluso anche in caso di Suo matrimonio con la compagna.

In caso di decesso della madre, il Giudice Tutelare dovrà occuparsi di individuare il soggetto idoneo, sotto il profilo morale e pratico, ad occuparsi della minore.

Sarebbe necessario, per rendere un quadro più completo, conoscere le relazioni parentali in corso della signora e della bambina, per ipotizzare le traiettorie di un simile evento.

*****

In ogni caso, onde evitare un affidamento sul punto da parte della Sua compagna (che inconsapevolmente potrebbe immaginare sia Lei ad occuparsi della bambina), con il tempo potrebbe ipotizzarsi un ragionamento circa la nomina di un tutore in caso di morte dell'unico genitore superstite.

Indichiamo un approfondimento sul nostro portale sul tema: https://www.avvocatoaccanto.com/famiglia/testamento-genitore-designazione-nomina-tutore-figli-minori.

Avvocato Fabrizio Tronca 

CONTATTA L’AVVOCATO
Prenota subito online

Dove ci trovi

se vuoi incontrarci di persona

Se vuoi incontrarci di persona e conoscerci ci trovi in Via Crocefisso 6 a Milano, presso gli uffici di Avvocato Accanto, tutti i giorni da lunedì a venerdì e su appuntamento anche il sabato. Ti aspettiamo.
mappa avvocato accanto
Non hai trovato ciò che cercavi?
Fai una domanda