separazione dei beni e diritti del coniuge

Buongiorno, desidererei avere maggiori informazioni sulla separazione dei beni. Io e mio marito abbiamo due abitazioni : una con affittuario, l' altra in cui viviamo, entrambe con mutuo. Due auto ciascuna intestata a se stesso. Io ho ricevuto in eredità 1/3 di abitazione dei miei genitori alla morte di mio padre. Mio marito ha diritto a qualcosa? E sugli stipendi, mio marito ha obbligo di sapere il mio stipendio? Grazie.
Famiglia (13/09/2017)
lawyer
Autore:
Avvocato Livia Achilli
Eredità e Successioni, Recupero Crediti, Sovraindebitamento, Immobili, Famiglia
Segui l’avvocato
Risposta:
In merito al Suo quesito, è importante sapere che nel caso in cui i coniugi decidano di scegliere la separazione dei beni, tutto ciò che i due sposi hanno acquistato precedentemente al matrimonio e tutto quello che acquisteranno successivamente rimarrà di proprietà esclusiva di ciascuno di loro (immobili e auto). I patrimoni di ciascuno rimangono dunque separati anche se ciò non impedisce ai coniugi di avere uno o più beni in comune, come ad esempio decidere al momento dell'acquisto di un nuovo bene di cointestarne la proprietà. In tale ipotesi, i coniugi saranno proprietari ciascuno di una quota pari al 50%. In poche parole, i beni potranno essere comuni solo se i coniugi decidono di acquistare come comproprietari un bene. In caso diverso, ogni coniuge sarà proprietario del proprio bene, e pertanto libero di acquistare o vendere beni separatamente. Detto ciò, nel Suo caso la quota di 1/3 dell’immobile ricevuto in eredità è solo di Sua proprietà e Suo marito al momento non può vantare nessuna pretesa. Diverso discorso, invece dovrà essere fatto in relazione all’eredità quando Lei verrà a mancare. Allora, suo marito sarà erede legittimo del Suo patrimonio assieme ad eventuali figli o genitori ancora in vita. Ci preme da ultimo ricordare che la scelta del regime di separazione dei beni non esenta il coniuge dal contribuire alla spese per la conduzione familiare; ognuno deve contribuire, in proporzione alle proprie capacità reddituali, al mantenimento della casa e della famiglia. Così come gli unici obblighi che derivano dal matrimonio sono quello reciproco alla fedeltà, all'assistenza morale e materiale, alla collaborazione nell'interesse della famiglia e alla coabitazione. Non vi è nessun obbligo diretto di conoscere lo stipendio dell’altro coniuge, ma sicuramente – come già detto sopra – vi è un obbligo generale di contribuire ai bisogni della famiglia in proporzione al proprio reddito.
CONTATTA L’AVVOCATO
Prenota subito online

Dove ci trovi

se vuoi incontrarci di persona

Se vuoi incontrarci di persona e conoscerci ci trovi in Via Crocefisso 6 a Milano, presso gli uffici di Avvocato Accanto, tutti i giorni da lunedì a venerdì e su appuntamento anche il sabato. Ti aspettiamo.
mappa avvocato accanto
Non hai trovato ciò che cercavi?
Fai una domanda