Se cambia cognome il padre, lo deve cambiare anche il figlio?

Buongiorno, ho fatto domanda per aggiungere il cognome materno, per motivi affettivi sentimentali, al mio. avendo due figli minori,. se la domanda venisse accolta, di conseguenza anche i miei figli aggiungerebbero il cognome di mia madre - loro nonna- oppure continuerebbero con un solo cognome? grazie
Famiglia (11/02/2020)
lawyer
Autore:
Avvocato Marta Calderoni
Locazioni commerciali, Eredità e Successioni, Recupero Crediti, Risarcimento danni e responsabilità civile, Immobili, Famiglia
Segui l’avvocato
Risposta:

Per rispondere al Suo quesito, riteniamo opportuno segnalare quanto segue.

In caso di mutamento del cognome del genitore, i figli che avevano derivato dal genitore il loro cognome, dovranno subire identico mutamento; tuttavia se sono maggiorenni hanno un anno di tempo per scegliere di mantenere il cognome portato in precedenza o aggiungere od anteporre ad esso il nuovo cognome che gli spetta. 

In ogni caso, il cambiamento di cognome dei figli si verifica immediatamente al mutamento del cognome del  genitore da cui il cognome deriva, e deve essere notificato all'interessato, che ha un anno per far valere una sua scelta diversa rispetto ad un cognome che è già cambiato.

La norma di riferimento è l'art. 33 del DPR 396/2000 e trova applicazione non solo nel caso in cui il figlio derivi il cognome dal padre, ma anche laddove il cognome derivi dalla madre perché era stato riconosciuto solamente da lei o perché lo aveva riconosciuto per prima: in tale specifica fattispecie, cambiando cognome la madre, la variazione si estenderà anche al figlio.

I decreti che autorizzano il cambiamento di cognome “... devono essere annotati, su richiesta degli interessati, nell'atto di nascita del richiedente ... e negli atti di nascita di coloro che ne hanno derivato il cognome... “: l'ufficiale di stato civile del luogo di residenza dell'interessato, quello stesso che provvede alla trascrizione su istanza di parte, provvederà anche alle comunicazioni per l'annotazione nell'atto di nascita di coloro che ne hanno derivato il cognome e che, quindi, debbono cambiarlo.

L'ufficiale di stato civile farà notifica o raccomandata all'interessato portandolo a conoscenza del cambiamento del cognome.

I minori (quali sono i Suoi figli nel caso di specie) non hanno la possibilità di opporsi e far valere una volontà diversa e dovranno dunque accettare il nuovo cognome senza alcuna alternativa disponibile.

Il maggiorenne ha invece un anno di tempo per manifestare una scelta diversa.

 

Avvocato Marta Calderoni

CONTATTA L’AVVOCATO
Prenota subito online

Dove ci trovi

se vuoi incontrarci di persona

Se vuoi incontrarci di persona e conoscerci ci trovi in Via Crocefisso 6 a Milano, presso gli uffici di Avvocato Accanto, tutti i giorni da lunedì a venerdì e su appuntamento anche il sabato. Ti aspettiamo.
mappa avvocato accanto
Non hai trovato ciò che cercavi?
Fai una domanda