Socio fallito: ci sono problemi per la società?

Una srl dichiarata in fallimento dal 2015 possiede il 50% delle quote di altre società. È possibile che queste altre società restino in stato attivo se appunto uno dei due soci è in stato di fallimento?
Diritto delle società (28/09/2018)
lawyer
Autore:
Avvocato Paolo Carpani
Condominio, Locazioni commerciali, Locazioni ad uso abitativo, Diritto delle società, Immobili
Segui l’avvocato
Risposta:

Il quesito da Lei proposto richiama quanto disposto dall’art. 149 del Regio Decreto n. 267/1942, ossia della legge sul fallimento.

Ai sensi della predetta normativa, il fallimento di uno o più soci, non produce il fallimento della società. La norma pertanto stabilisce che, mentre il socio, in alcune ipotesi previste dalla legge, può fallire in caso di fallimento della società, il contrario non può avvenire.

Va aggiunto tuttavia che il codice civile prevede, per le diverse fattispecie societarie, quali siano le conseguenze del fallimento del socio.

E così, in caso di società di persone o di consorzi, il socio fallito sarà escluso di diritto, mentre in caso di società a responsabilità limitata è prevista la possibilità di espropriare la quota di partecipazione sociale, con le modalità indicate dall’art. 2471 del codice civile.

Va infine evidenziato come, in caso di fallimento del socio (sia esso persona fisica o giuridica) di società di capitali, gli adempimenti connessi alla partecipazione nella società vengono acquisiti dalla Curatela fallimentare.

CONTATTA L’AVVOCATO
Prenota subito online

Dove ci trovi

se vuoi incontrarci di persona

Se vuoi incontrarci di persona e conoscerci ci trovi in Via Crocefisso 6 a Milano, presso gli uffici di Avvocato Accanto, tutti i giorni da lunedì a venerdì e su appuntamento anche il sabato. Ti aspettiamo.
mappa avvocato accanto
Non hai trovato ciò che cercavi?
Fai una domanda