inadempimento dei doveri tra coniugi. Risarcimento ex art.2043 c.c.?

Buonasera, mio figlio sposato da agosto civilmente e con rito religioso cattolico ha scoperto che la moglie ha una relazione iniziata prima del matrimonio e continuata dopo. Ora , venuto a conoscenza , chiede il divorzio e l'annullamento . Può chiedere un risarcimento per danni morali?
Divorzio breve (05/02/2019)
lawyer
Autore:
Avvocato Guido Vecellio
Diritto bancario e Cartelle esattoriali, Condominio, Recupero Crediti
Segui l’avvocato
Risposta:

Quando lo scioglimento del matrimonio è ascrivibile al comportamento di uno dei coniugi, è possibile richiedere al giudice l'addebito della separazione. La giurisprudenza, agli inizi, non intendeva individuare nell'addebito della separazione anche una fonte di responsabilità extracontrattuale.

Le sentenze della Corte di cassazione n.9801/2005 e n.18853/2011 hanno stabilito che, se l'inadempimento dei doveri coniugali dà luogo alla separazione ed è particolarmente rilevante, si deve riconoscere una responsabilità risarcitoria ex art 2043 c.c., che, in ogni caso, necessita di autonomo procedimento per la diversità di rito che interressa  i temi connessi alla separazione.

In buona sostanza la violazione della dignità e reputazione del coniuge, il tradimento plateale e quant'altro possono essere gli elementi probanti per chiedere un risarcimento ex art. 2043 c.c..

 

Avvocato Guido Vecellio

CONTATTA L’AVVOCATO
Prenota subito online

Dove ci trovi

se vuoi incontrarci di persona

Se vuoi incontrarci di persona e conoscerci ci trovi in Via Crocefisso 6 a Milano, presso gli uffici di Avvocato Accanto, tutti i giorni da lunedì a venerdì e su appuntamento anche il sabato. Ti aspettiamo.
mappa avvocato accanto
Non hai trovato ciò che cercavi?
Fai una domanda