Diritto bancario

Fatti consigliare da un legale esperto

Con Avvocato Accanto

la tua consulenza è a portata di click

Richiedi ora una consulenza
avvocato famiflia
avvocato famiflia

Avvocato Accanto presta assistenza legale nelle tematiche di diritto bancario e tributario che riguardano

Cartelle esattoriali
Riscossione
Conto corrente
Anatocismo e usura

Ti è stata recapitata una cartella esattoriale? Devi sapere che quando il cittadino non paga un tributo, un contributo, una sanzione amministrativa o altro atto impositivo emesso  dalla Pubblica Amministrazione, viene emessa da un agente riscossore, come ad esempio Agenzia delle Entrate-Riscossione, una cartella esattoriale volta a ottenere il pagamento di quanto dovuto. La cartella esattoriale è un atto di intimazione al pagamento e di avviso di mora diretta al contribuente, tramite il quale l’Agente della riscossione chiede il pagamento di quanto dovuto alla Pubblica Amministrazione.

Sono trascorsi 60 giorni dalla notifica della cartella di pagamento e la stessa non è stata interamente saldata (oppure non è stata richiesta la sospensione o la rateizzazione)? Trascorso questo periodo di tempo Agenzia Entrate-Riscossione potrà procedere alla riscossione coattiva del credito, mettendo in atto le procedure esecutive che ritiene più opportune al fine di riscuotere il dovuto.

Queste misure possono comportare, ad esempio, il fermo amministrativo dell'auto, l'iscrizione di ipoteca sulla casa, fino ad arrivare all'espropriazione forzata (pignoramento e vendita coatta) dei beni mobili e immobili del debitore e dei suoi coobbligati. Si ricorda che possono essere pignorati anche i crediti presso terzi e le somme dovute da terzi in ambito lavorativo (pignoramento del quinto dello stipendio).

Hai un conto corrente presso un istituto di credito? Devi sapere che il conto corrente bancario consiste nell'accordo con cui la banca si impegna nei confronti del cliente a prestare un servizio, consistente in sostanza in un servizio di cassa (quindi nel provvedere per conto del cliente, su ordine diretto ed indiretto e con le sue disponibilità, ai pagamenti ed alle riscossioni). Rientrano nel concetto di servizio di cassa tutte le prestazioni di servizi di pagamento tra cui la trasmissione o la esecuzione di pagamento effettuati con qualunque modalità: operazione per cassa, emissione di assegni bancari, bonifici, utilizzo di carte di credito o del servizio bancomat. Può succedere che gli interessi del privato correntista confliggano con quelli della propria banca, come ad esempio il classico caso nel quale la banca non riconosce alcun indennizzo all’utente al quale sono state rubate somme di denaro o il tesserino del bancomat al momento del prelievo di contanti presso lo sportello ATM.

Hai contratto un prestito? In questo caso è bene sapere che gli istituti di credito sono tenuti al rispetto di specifiche normative in relazione agli interessi da applicare ai mutui o ai finanziamenti erogati ad aziende o a privati cittadini. L’anatocismo è la pratica con la quale gli interessi maturati in un certo periodo concorrono all’aumento del debito complessivo, producendo per il periodo successivo ulteriori e maggiori interessi. L’usura può essere definita come l’attività di chi presta denaro a un interesse eccessivo, superiore al limite stabilito dalla legge. Tale pratica viene considerato dal legislatore come un illecito contro il patrimonio ed è sanzionato con multa, reclusione e confisca dei beni frutto dell’usura.

Diritto bancario e Cartelle esattoriali

 

Cartelle esattoriali

 

La cartella esattoriale è un atto di intimazione al pagamento e di avviso di mora diretta al contribuente, tramite il quale l’Agente della riscossione chiede il pagamento di quanto dovuto alla Pubblica Amministrazione.

La sua funzione fondamentale è quella di comunicare al contribuente l’esistenza di un debito nei confronti dell’ente impositore. Il credito dell’ente per poter essere richiesto tramite cartella esattoriale, dunque a mezzo della riscossione coattiva, deve essere certo, liquido ed esigibile. La cartella di pagamento notificata, pertanto, deve contenere tutte le indicazioni utili per consentire al contribuente di verificare le ragioni dell’ente impositore e risalire al credito sottostante la richiesta di pagamento.

Il debito, una volta maturato, viene iscritto a ruolo, cioè viene inserito in un elenco formato dall’ente creditore (come ad esempio: Comune, Inps, Agenzia delle Entrate, etc.) e inviato all’agente della riscossione competente per territorio, che ha il compito di iniziare la procedura di riscossione coattiva.

La cartella di pagamento è a tutti gli effetti un atto amministrativo e un titolo esecutivo, ossia un titolo in base al quale è possibile procedere col pignoramento dei beni del debitore, in mancanza del pagamento di quanto dovuto.

L’azione di riscossione viene esercitata da un organo dell’Agenzia delle Entrate e, in particolare, da Agenzia delle Entrate e Riscossione.Riscossione

 

Agenzia Entrate-Riscossione deve notificare la cartella attraverso un ufficiale di riscossione o inviando una raccomandata con ricevuta di ritorno.

Dalla data di notifica, il cittadino ha 60 giorni di tempo per pagare o contestare la cartella presentando ricorso e chiedendone la sospensione. Il contribuente potrà anche, a certe condizioni, chiedere la rateizzazione della cartella esattoriale, al fine di poter procedere al pagamento dilazionato dell’importo ivi indicato.

Scaduto il termine, si dovranno pagare ulteriori importi, quali:

  • gli interessi di mora, che maturano a partire dalla data della notifica su ogni giorno di ritardo
  • le sanzioni civili o cosiddette “somme aggiuntive” (in caso di debiti previdenziali)
  • gli oneri di riscossione pari al 6% del totale (8% in caso di ruoliemessi dal 1/01/2013 al 31/12/2015);
  • le eventuali spese per le procedure cautelari ed esecutive (fermo d’auto, ipoteca, pignoramento).

Trascorsi 60 giorni dalla notifica della cartella di pagamento, se la stessa non è stata interamente saldata (oppure se non è stata richiesta la sospensione o la rateizzazione), Agenzia Entrate-Riscossione potrà procedere alla riscossione coattiva del credito, mettendo in atto le procedure esecutive che ritiene più opportune al fine di riscuotere il dovuto.

Queste misure possono comportare, ad esempio, il fermo amministrativo dell'auto, l'iscrizione di ipoteca sulla casa, fino ad arrivare all'espropriazione forzata (pignoramento e vendita coatta) dei beni mobili e immobili del debitore e dei suoi coobbligati. Si ricorda che possono essere pignorati anche i crediti presso terzi e le somme dovute da terzi in ambito lavorativo (pignoramento del quinto dello stipendio).

 

Conto corrente

 

Il contratto di conto corrente bancario consiste in una variante del contratto di conto corrente ordinario disciplinato nel codice civile. Il contratto di conto corrente bancario è un contratto necessariamente accessorio ad altre operazioni che vengono poste in essere tra l’istituto bancario e il proprio cliente (come ad esempio il deposito, l’apertura di credito ecc.).

In questo accordo si stabilisce di far confluire in un unico conto accrediti e addebiti. Nel contratto di conto corrente bancario, a differenza della disciplina del conto corrente ordinario, prevede che le somme depositate siano sempre disponibili.

Normalmente il conto corrente bancario prevede anche che la banca metta a disposizione ulteriori servizi, come ad esempio servizi di cassa (quindi, ad esempio, il provvedere per conto del cliente, su ordine diretto ed indiretto e con le sue disponibilità, ai pagamenti ed alle riscossioni). Rientrano nel concetto di servizio di cassa tutte le prestazioni di servizi di pagamento tra cui la trasmissione o la esecuzione di pagamento effettuati con qualunque modalità: operazione per cassa, emissione di assegni bancari, bonifici, utilizzo di carte di credito o del servizio bancomat.

L’istituto bancario è tenuto altresì ad inviare estratti conto periodici, che possono essere annuali o anche avere una frequenza maggiore. E’ bene sapere che nel caso in cui l’estratto conto presenti degli errori, questi dovranno essere contestati specificatamente e in forma scritta entro 60 giorni dalla ricezione.

In assenza di contestazione l’estratto conto si riterrà approvato tacitamente. In ogni caso il correntista può impugnare il conto corrente –anche se tacitamente approvato- per errori di calcolo, errori di scritturazione, omissioni o duplicazioni entro sei mesi dalla ricezione dell’estratto conto.

 

Anatocismo e usura

 

Gli istituti di credito sono tenuti al rispetto di specifiche normative in relazione agli interessi da applicare ai mutui o ai finanziamenti erogati ad aziende o a privati cittadini.

La legge, in particolare, impone dei limiti circa l’entità del tasso di interesse che può essere indicato nei contratti di finanziamento, individuando il limite nel cd. “tasso soglia”. I tassi pattuiti in misura superiore a quanto previsto dalla legge vengono definiti “tassi usurari”, sono illegittimi e pertanto nulli.

La pattuizione di tassi usurari può comportare anche l’integrazione del reato di usura. Tale delitto viene considerato dal legislatore contro il patrimonio ed è sanzionato con multa, reclusione e confisca dei beni frutto dell’usura.

Quando si parla di anatocismo, invece, ci si riferisce alla pratica con la quale gli interessi maturati in un certo periodo concorrono all’aumento del debito complessivo, producendo per il periodo successivo ulteriori e maggiori interessi.

Di regola sugli interessi scaduti non maturano interessi, non è prevista infatti la capitalizzazione sugli interessi scaduti. Questa pratica, tuttavia, non è del tutto esclusa dalla legge che, in alcuni casi, prevede la capitalizzazione sugli interessi (ad es. nel caso di interessi primari scaduti e dovuti da almeno sei mesi, quando vi sia un’apposita domanda giudiziale o un’apposita convenzione).

 

 

 

Approfondimenti

Avvocato Accanto ti consente di gestire senza stress e con comodità le tue questioni legali.

Cos'è il diritto bancario

La banca è un’impresa la cui attività principale consiste nel raccogliere risparmi, concedere crediti e fornire altri servizi finanziari. La ...

CONTINUA A LEGGERE
Cosa fare in caso di conflitto con la propria banca?

Può succedere che gli interessi del privato correntista confliggano con quelli della propria banca, come ad esempio il classico caso nel quale la ...

CONTINUA A LEGGERE
Reclamo alla propria banca

In questo caso, come per tutte le controversie insorte tra banca e correntista, quest’ultimo deve innanzitutto cercare di risolvere la controversia ...

CONTINUA A LEGGERE
Cos'è una cartella esattoriale

La cartella esattoriale è un atto di intimazione al pagamento e di avviso di mora diretta al cittadino contribuente con cui l’Agente della ...

CONTINUA A LEGGERE
Cos'è Equitalia

Equitalia è la società a totale controllo pubblico (51% Agenzia delle Entrate e 49% Inps), incaricata alla riscossione di tributi, contributi e ...

CONTINUA A LEGGERE
Come vengono recapitate le cartelle

Equitalia deve notificare la cartella attraverso un messo, un ufficiale di riscossione o mediante raccomandata con ricevuta di ritorno. Quando non è ...

CONTINUA A LEGGERE
Come avviene la riscossione

Esistono due tipi di riscossione: 1) La riscossione a mezzo ruolo coattiva riguarda il recupero delle somme che, richieste dall’ente creditore, non ...

CONTINUA A LEGGERE
Rateizzazione della cartella esattoriale

Ricevere una cartella esattoriale da parte di Equitalia, spesso, può creare grandi difficoltà nel bilancio familiare. È utile, pertanto, sapere che ...

CONTINUA A LEGGERE
Mancato pagamento della cartella esattoriale

Se non si paga la cartella entro 60 giorni dalla sua notifica l'agente della riscossione può mettere in atto le procedure esecutive che ritiene più ...

CONTINUA A LEGGERE
Cos’è l’arbitrato Bancario Finanziario (ABF)

L’Arbitrato Bancario Finanziario (ABF) è un sistema di risoluzione stragiudiziale delle liti tra i clienti e le banche relative a operazioni e ...

CONTINUA A LEGGERE
Cartelle di pagamento: una guida pratica

In questo articolo spiegheremo in che cosa consiste la cartella di pagamento e cosa si può fare quando si riceve una cartella di pagamento. Indice: ...

CONTINUA A LEGGERE
Il Diritto bancario: che cosa è e come funziona?

Le banche (o meglio i servizi bancari) fanno parte della vita quotidiana di ogni persona. Con il tempo le attività della Banca si sono sempre più ...

CONTINUA A LEGGERE
I vantaggi di Avvocato Accanto

Avvocato Accanto ti consente di gestire senza stress e con comodità le tue questioni legali. Hai accesso ad un avvocato esperto sempre e ovunque tu sia per chiedere consulenza legale ed assistenza quando ti serve

Più Facile

Fai tutto direttamente dal tuo pc, smartphone o tablet! Fissi l'appuntamento, ricevi consulenza legale e molto altro.

Più Trasparente

Conosci subito i costi della tua consulenza legale. Paghi alla fine. Niente sorprese.

Più Veloce

Consulenza legale? Niente code, niente attese. È tutto più veloce.
lawyer
L'opinione dei nostri clienti è importante
Leggi tutte le recensioni
logo-google
12.11.2022
Recensione di carlo Daidone
La ringrazio per la sua gentile e chiara risposta
logo-google
11.11.2022
Recensione di Alessandro
Perfetti ed esaustivi
logo-google
09.11.2022
Recensione di Louki Mohamed
ottimo
logo-google
01.11.2022
Recensione di Massimo Pagano
Risposta rapida ed esauriente, molte grazie
logo-google
24.10.2022
Recensione di Gemma Diversi
grazie, risposta precisa ed esauriente.
logo-google
21.10.2022
Recensione di Francesco Molon
Sono rimasto molto soddisfatto della risposta ricevuta. Grazie.
Dove ci trovi
se vuoi incontrarci di persona
Se vuoi incontrarci di persona e conoscerci ci trovi in Via Crocefisso 6 a Milano, presso gli uffici di Avvocato Accanto, tutti i giorni da lunedì a venerdì e su appuntamento anche il sabato. Ti aspettiamo.
mappa avvocato accanto